<

Questo sito non riceve sponsorizzazioni da enti, industrie o multinazionali della cultura né usa gli strumenti mediatici che abitualmente servono per gettare fumo negli occhi; non è patrocinato da alcuna alta carica dello stato e, considerando il livello intellettuale medio delle odierne folle di internauti, le sue pagine sono immuni da effetti virali.

Questo sito si rivolge a persone intelligenti e di animo onesto; perciò dubito che possa piacere a certi critici, curatori ed alla folta tribù di odierni aspiranti artisti i quali, non avendo spesso un gran ché da dire, lo devono urlare a gran voce ai quattro venti e, a proposito di venti, come diceva Matisse: "cadranno tutti come foglie in autunno".

Qui ci si occupa di quel tipo di eventi inaspettati la cui necessità pochi riconoscono nel momento in cui si manifestano.
In effetti la storia insegna che l'Arte è dapprima un fenomeno di elite e chi parla tout court di "arte popolare" non sta parlando di Arte ma, probabilmente solo di intrattenimento. Tanta "arte" contemporanea ne è uno splendido esempio.